Il gioco delle TRE PAROLE

Pagina 8 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... 7, 8, 9, 10, 11  Seguente

Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Ospite il Mar 25 Set - 20:09:18

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da imperator84 il Mar 25 Set - 21:49:20

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da
avatar
imperator84
Balordo In Carriera
Balordo In Carriera

Maschio Numero di messaggi : 1759
Età : 34
Scrive da : monza
Occupazione : studente(1° anno laurea specialistica in informatica)
Hobby : sport/pc
Data d'iscrizione : 22.07.07

Visualizza il profilo http://passo1passo.home.services.spaces.live.com/default.aspx

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da S@imon84 il Mer 26 Set - 0:50:16

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.
avatar
S@imon84
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)

Maschio Numero di messaggi : 3425
Età : 34
Scrive da : in cima al lago di Como
Occupazione : programmatore
Hobby : Divertirsi...,uscire con gli amici e amiche..sport..cinema..musica....pc....mai stare solo!!!!
Data d'iscrizione : 11.06.07

Visualizza il profilo http://chiarodiluna84.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Ospite il Mer 26 Set - 20:38:28

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da S@imon84 il Mer 26 Set - 22:28:31

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono
avatar
S@imon84
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)

Maschio Numero di messaggi : 3425
Età : 34
Scrive da : in cima al lago di Como
Occupazione : programmatore
Hobby : Divertirsi...,uscire con gli amici e amiche..sport..cinema..musica....pc....mai stare solo!!!!
Data d'iscrizione : 11.06.07

Visualizza il profilo http://chiarodiluna84.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da imperator84 il Gio 27 Set - 15:06:24

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso
avatar
imperator84
Balordo In Carriera
Balordo In Carriera

Maschio Numero di messaggi : 1759
Età : 34
Scrive da : monza
Occupazione : studente(1° anno laurea specialistica in informatica)
Hobby : sport/pc
Data d'iscrizione : 22.07.07

Visualizza il profilo http://passo1passo.home.services.spaces.live.com/default.aspx

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Ospite il Ven 28 Set - 20:49:19

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da S@imon84 il Ven 28 Set - 23:26:42

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera
avatar
S@imon84
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)

Maschio Numero di messaggi : 3425
Età : 34
Scrive da : in cima al lago di Como
Occupazione : programmatore
Hobby : Divertirsi...,uscire con gli amici e amiche..sport..cinema..musica....pc....mai stare solo!!!!
Data d'iscrizione : 11.06.07

Visualizza il profilo http://chiarodiluna84.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da imperator84 il Lun 1 Ott - 11:52:02

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane
avatar
imperator84
Balordo In Carriera
Balordo In Carriera

Maschio Numero di messaggi : 1759
Età : 34
Scrive da : monza
Occupazione : studente(1° anno laurea specialistica in informatica)
Hobby : sport/pc
Data d'iscrizione : 22.07.07

Visualizza il profilo http://passo1passo.home.services.spaces.live.com/default.aspx

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da S@imon84 il Lun 1 Ott - 23:38:26

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.
avatar
S@imon84
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)

Maschio Numero di messaggi : 3425
Età : 34
Scrive da : in cima al lago di Como
Occupazione : programmatore
Hobby : Divertirsi...,uscire con gli amici e amiche..sport..cinema..musica....pc....mai stare solo!!!!
Data d'iscrizione : 11.06.07

Visualizza il profilo http://chiarodiluna84.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da imperator84 il Mar 2 Ott - 12:25:45

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso
avatar
imperator84
Balordo In Carriera
Balordo In Carriera

Maschio Numero di messaggi : 1759
Età : 34
Scrive da : monza
Occupazione : studente(1° anno laurea specialistica in informatica)
Hobby : sport/pc
Data d'iscrizione : 22.07.07

Visualizza il profilo http://passo1passo.home.services.spaces.live.com/default.aspx

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da S@imon84 il Mar 2 Ott - 19:56:19

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della
avatar
S@imon84
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)

Maschio Numero di messaggi : 3425
Età : 34
Scrive da : in cima al lago di Como
Occupazione : programmatore
Hobby : Divertirsi...,uscire con gli amici e amiche..sport..cinema..musica....pc....mai stare solo!!!!
Data d'iscrizione : 11.06.07

Visualizza il profilo http://chiarodiluna84.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Ospite il Mar 2 Ott - 20:25:02

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da S@imon84 il Mar 2 Ott - 20:40:18

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono
avatar
S@imon84
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)

Maschio Numero di messaggi : 3425
Età : 34
Scrive da : in cima al lago di Como
Occupazione : programmatore
Hobby : Divertirsi...,uscire con gli amici e amiche..sport..cinema..musica....pc....mai stare solo!!!!
Data d'iscrizione : 11.06.07

Visualizza il profilo http://chiarodiluna84.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da fabietto85 il Mer 3 Ott - 17:59:52

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono in un anfratto
avatar
fabietto85
Balordo In Carriera
Balordo In Carriera

Maschio Numero di messaggi : 2438
Età : 33
Scrive da : Grosotto
Occupazione : Studente Ingegneria Civile
Hobby : Piccolo aiutante di mago G
Data d'iscrizione : 15.08.07

Visualizza il profilo http://robu85.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Nessuno il Mer 3 Ott - 19:26:05

ARIMO
Ragazzi ma chi di voi ha avuto sin'ora il coraggio di rilegerlo tutto?????



La cosa allucinante è che sembra avere un senso!!! lol!

OK continuate
avatar
Nessuno
Balordo In Carriera
Balordo In Carriera

Maschio Numero di messaggi : 944
Età : 38
Scrive da : Grosio-Livigno
Occupazione : Dj -segretario
Hobby : Moto ,palestra ,snowboard , alienarmi ....rompere le scatole alla Smasistramba
Data d'iscrizione : 23.07.07

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Sily il Mer 3 Ott - 20:01:27

Nessuno ha scritto:ARIMO
Ragazzi ma chi di voi ha avuto sin'ora il coraggio di rilegerlo tutto?????



La cosa allucinante è che sembra avere un senso!!! lol!

OK continuate
Si piu che avere un senso FA senso......... Dio boia ma che cionata stiamo sfornando???pirla

_________________
16 SETTEMBRE 2007, VENEZIA - IO C'ERO!!!
Adesso sto appoggiato al salice piangente
eppure lui lo sa, da lui non voglio niente
non voglio le sue lacrime non voglio le sue foglie
son qui per la sua ombra che sposerà la mia
voglio guardare il sole me lo son meritato
prima di ritornare dove son sempre stato
fin quando tornerò dove son sempre stato...
avatar
Sily
Super Balordo !
Super Balordo !

Femmina Numero di messaggi : 6150
Età : 32
Scrive da : Sondrio
Occupazione : Impiegata
Hobby : Il club dei CICCIPUCCI (Fondatrice io!!!)
Data d'iscrizione : 01.06.07

Visualizza il profilo http://sily.badoo.com/?lang_id=8&c_id=29

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Ospite il Mer 3 Ott - 20:35:42

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono in un anfratto dove la strega

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da S@imon84 il Mer 3 Ott - 22:37:32

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono in un anfratto dove la strega nervosamente li attendeva
avatar
S@imon84
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)

Maschio Numero di messaggi : 3425
Età : 34
Scrive da : in cima al lago di Como
Occupazione : programmatore
Hobby : Divertirsi...,uscire con gli amici e amiche..sport..cinema..musica....pc....mai stare solo!!!!
Data d'iscrizione : 11.06.07

Visualizza il profilo http://chiarodiluna84.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da fabietto85 il Gio 4 Ott - 11:37:57

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono in un anfratto dove la strega nervosamente li attendeva. Lei fece un
avatar
fabietto85
Balordo In Carriera
Balordo In Carriera

Maschio Numero di messaggi : 2438
Età : 33
Scrive da : Grosotto
Occupazione : Studente Ingegneria Civile
Hobby : Piccolo aiutante di mago G
Data d'iscrizione : 15.08.07

Visualizza il profilo http://robu85.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Ospite il Gio 4 Ott - 20:44:20

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono in un anfratto dove la strega nervosamente li attendeva. Lei fece un maleficio e trasformò

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da S@imon84 il Gio 4 Ott - 23:11:00

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono in un anfratto dove la strega nervosamente li attendeva. Lei fece un maleficio e trasformo i malcapitati in
avatar
S@imon84
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)

Maschio Numero di messaggi : 3425
Età : 34
Scrive da : in cima al lago di Como
Occupazione : programmatore
Hobby : Divertirsi...,uscire con gli amici e amiche..sport..cinema..musica....pc....mai stare solo!!!!
Data d'iscrizione : 11.06.07

Visualizza il profilo http://chiarodiluna84.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Ospite il Ven 5 Ott - 20:17:39

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono in un anfratto dove la strega nervosamente li attendeva. Lei fece un maleficio e trasformo i malcapitati in michael jackson ,pupo

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da S@imon84 il Ven 5 Ott - 23:29:02

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono in un anfratto dove la strega nervosamente li attendeva. Lei fece un maleficio e trasformo i malcapitati in michael jackson ,pupo e platinette!!Una
avatar
S@imon84
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)
Balordo Cazzeggiatore (è sempre qui)

Maschio Numero di messaggi : 3425
Età : 34
Scrive da : in cima al lago di Como
Occupazione : programmatore
Hobby : Divertirsi...,uscire con gli amici e amiche..sport..cinema..musica....pc....mai stare solo!!!!
Data d'iscrizione : 11.06.07

Visualizza il profilo http://chiarodiluna84.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Ospite il Sab 6 Ott - 9:47:48

Un bel giorno tre amici stavano saltando la corda e uno inciampò e cadde ruzzoloni i suoi amici cominciarono a
deriderlo per quello che era successo. Qualche nonnine arrivarono a farsela addosso vedendolo tutto sporco di miele di castagno. Allora uno pensò: che buono il gusto del miele! perchè non ci facciamo uno spuntino? ma che schifo! allora il secondo esclamò verso il bambino caduto: "ti sei sbucciato il mento e il ginocchio? Allora perchè non ti rotoli nel sale
fino? lui rispose:"perchè nonna dice che così posso picchiare la testa contro gli stronzi come te!!!" Il bambino "stronzo" ci rimase di merda e disse: "Ma vai a cagare in un campo di ortiche minato, brutto cazzone!" E gli sferrò un potente pugno nei testicoli e una serie di baci sulla fronte, senza rendersi conto lo aveva davvero reso un omosessuale!
Facendo finta di essere un uomo vero cercò di non far notare che in realtà i suoi connotati e con un grembiule da vecchia
con voce femminea disse: " Vi ricorderete quando ero un coglione di prima categoria! Allora si che ero figo!!!" e con aria da checca isterica si allontanò
dal bambino stronzo e ando in giro sul suo trattore tutto orgoglioso di come era in giro. Ad un certo punto da dietro una curva sbucò un cinghiale che lo puntò e all'improvviso si trovo in groppa ad esso e iniziò a correre per i campi di letame.felice come mai, solo piu tardi, accorgendosi del puzzo iniziò a rotolarsi allegramente come se fosse un tutt'uno con il letame. Venne notte e nell'ombra vide uno sbrilluccichio di qualcosa provenire da un giardino che era alla sua destra. un babau? gli si mise davanti una montagna di bruttezza e pelo, bavosità, pulcioso che si cagò sotto facendo una pozza color marron e violetto in quanto aveva precedentemente mangiato la strega che si era fatta minestra di barbabietole che faceva schifo perchè il pipistrello era caduto nel pentolone assieme a un toporagno spelato, a una pantegana, a un chihuahua, alla suocera, a un stercoraro che si era rotolato allegramente in un letamaio, a un vecchio maniaco che cercava invano di farsi la strega che non ci stava a farlo con lui. A un certo punto tutti caddero a terra mentre il culattone stava per chiedere al babau per quale motivo il suo pisello sembrasse un cecio mentre una volta era uno strumento di indubbio valore. In quel momento arrivò anche Yety, un simpatico essere che però scoreggiava emanando un olezzo di lillà, gelsomino che mischiato con chilometrici peli apiccicaticci dava una sensazione di ribrezzo e di piacere contemporaneamente.Yeti guardando la tv vide CIOBIN salto come un coniglio dalle orecchie a punta tipo spok e sfoderò la sua poderosa arma. Essa consisteva in un palo di gomma con tensione in lattice ma penzolava inerme tra le sue manacce con unghie finte, e quindi col suo estetista aveva deciso di farsi delle doppie unghie a punta di color verde x squartare meglio tutti quelli che prima o poi baciassero la strega in modo da non farli più tornare.yeti,babau ed ciobin si incaminnarono tutti insieme verso la misteriosa grotta della magia nera dove succedono strane trasformazioni di animali.Quindi procedettero verso il fondo della terra tra cunicoli e catacombè arrivarono in un anfratto dove la strega nervosamente li attendeva. Lei fece un maleficio e trasformo i malcapitati in michael jackson ,pupo e platinette!!Una sorpresa per loro

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Il gioco delle TRE PAROLE

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 8 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... 7, 8, 9, 10, 11  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum